Il nostro territorio

ANDRIA

Conosciuta come “la città dell’olio” e la città dei tre campanili” ha come simbolo il Castel del Monte ( a cui è dedicato il focus in basso).
ll centro storico della città è caratterizzato da tutta una serie di vie suggestive e vicoli che si intrecciano tra loro e traboccano di monumenti di grande pregio: il Palazzo Comunale, risalente al 1230, Porta S. Andrea o Arco di Federico II (XI secolo), la Torre dell’Orologio, costruita all’epoca di Francesco II del Balzo, il Palazzo Ducale (residenza fortificata), il Monumento ai Caduti, Forte di Porta Castello (XI secolo);Palazzo Ceci Ginistrelli (XIX secolo), Piazza Vittorio Emanuele (qui in foto, già piazza Catuma, così chiamata perché sotto di essa vi sono delle catacombe), il Museo Diocesano con alcune opere di Antonio Vivarini e Tuccio di Andria e “Andria sotterranea”: vecchie abitazioni risalenti al periodo medievale che si snodano nei sotterranei dell’intero centro storico. Si tratta di grotte e di stanze murate in pietra con archi e colonne purtroppo, però, non visitabili.

TRANI

Distanza : 12 km

La Cattedrale di Trani, caratteristica per la sua ubicazione a pochi metri dal mare e per la sua “veste” in chiara pietra calcarea, è un esempio eccellente di
architettura romanica pugliese e, soprattutto, il simbolo della splendida città turistica da cui prende il nome. Trani. Una città marittima i cui vicoletti del centro storico si snodano tra ristoranti tipici e monumenti storici per poi sfociare sul porto: un quadro pittorico, di sera strabiliante, nel quale le luci soffuse dell’imbarcazioni si mescolano a quelle dei locali presi d’assalto dalla movida tranese.

CASTEL DEL MONTE

Distanza: 18 km

Edificio del XIII sec. voluto dall’imperatore Federico II di Svevia e realizzato nei pressi della Chiesa di Santa Maria del Monte, in altura, nel cuore della Murgia.
Nel 1996 l’UNESCO lo ha inserito nella lista dei Patrimoni dell’umanità per il rigore matematico ed astronomico delle sue forme e per l’armoniosa unione degli elementi culturali del nord Europa, del mondo islamico e dell’antichità classica, tipico esempio di architettura del medioevo.

BARI

Distanza: 64 km

Nota per essere la città nella quale riposano le reliquie di San Nicola, la cui basilica è uno dei centri prediletti dalla Chiesa ortodossa in Occidente, ma anche per i Teatri Petruzzelli e Margherita, costruito su pilastri fondati nel mare.
Bari ha una solida tradizione mercantile e da sempre è punto nevralgico nell’ambito del commercio e dei contatti politico-culturali con l’Est europeo e il Medio Oriente.
Il suo porto è il maggiore scalo passeggeri del mare Adriatico ma non solo…è il fulcro della città. Da lì, infatti, prende vita la città vecchia e la movida barese in un continuo alternarsi di storia e innovazione.

MATERA

Distanza: 78 km

Nota con gli appellativi di “Città dei Sassi” e “Città Sotterranea”, è conosciuta per gli storici rioni Sassi, che costituiscono uno dei nuclei abitativi più antichi al mondo, ricco di portali scolpiti e fregi che ne nascondono il cuore sotterraneo.
I Sassi sono stati riconosciuti nel 1993 Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, primo sito dell’Italia meridionale a ricevere tale riconoscimento.
Nel 2014, inoltre, Matera è stato proclamata capitale europea della la cultura (assieme a Plovdiv) 2019; diventando, anche in questo circostanza, la prima città del meridione a ricevere questo riconoscimento.

MONTE S. ANGELO

Distanza: 86 km

Cittadina nel foggiano famosa per il Santuario e la grotta di San Michele Arcangelo, iscritti rispettivamente alla Lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO da giugno 2011 e tra le più belle grotte al mondo (ottava per la precisione) secondo la prestigiosa National Geographic Society.
Il Santuario rappresenta la quinta tappa di un percorso di luoghi di culto dedicati a San Michele, allineati geograficamente lungo una linea retta che dall’isola di Skelling Micheal in Irlanda conduce sino a Gerusalemme passando per San Michael’s Mount in Cornovaglia, Mont Saint Michel in Francia e Sacra di San Michele all’imbocco della Val di Susa in Piemonte (vicino Torino).

ALBEROBELLO

Distanza: 110 km

Celebre per le sue caratteristiche abitazioni chiamate trulli che, dal 1996, sono patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.
La loro particolare conformazione e struttura deriva da una vicenda storica. Nel XV secolo durante il Regno di Napoli ogni nuovo insediamento urbano era costretto a pagare un tributo. Ad Alberobello toccò costruire edifici senza malta, in modo da essere più vulnerabili.
Dovendo quindi utilizzare soltanto pietre, i contadini trovarono nella forma rotonda con tetto a cupola autoportante, composto di cerchi di pietre sovrapposti, la configurazione più semplice e solida. I tetti a cupola dei trulli sono abbelliti con pinnacoli decorativi, la cui forma è ispirata a elementi simbolici, mistici e religiosi.